Pensiero

Santa Maria a Cerrate

Vestita

di celestiale bellezza

ti aspettava sull’altare con gli occhi di chi ti ha voluto in sposa

con il suo sorriso e la sua gioia

intorno alla vostra promessa

così solenne

una maestosa chiesa e le sue colonne.

Il bacio vicino al pozzo

tra le foto di quel giorno

era l’11 di ottobre

una sera di fine estate

con leggera pioggia

come si dice delle spose fortunate.

Con una carezza ti asciugò il viso il tuo sposo

Bello per la più bella delle dee mai esistite

mentre il riso ben augurante

Tags: 

La terra ha tremato

All’improvviso giù

questo palazzo impazzito

la terra ha tremato

ed io mi sento sfinito

sopravvissuto sì ma a un disastro certo

che ora tremo anch’io ma neanche più l’avverto

questo spazio di mondo che ci accoglie zitto

prima o poi ce lo spiega che ha qualche diritto

le tragedie annunciate quelle ad un tratto

non ci capisco più niente c’è da diventare matto

tra persone ferite estratte dalle macerie tutto intorno

e quelle trovate senza vita, morte in questo giorno

Tags: 

Lettere mai spedite

Una lacrima intrappolata in una ragnatela antica

viene accolta a fatica dalla luce di un riflesso d’aurora

che si ferma ma non la sfiora

aspettando quel tempo acerbo che della sua fiamma è un sorriso

che come un’alba ne illumini il viso

sguardo a mani giunte

passi sulle punte ridonano armonia

come un carillon sulla scrivania

dai cassetti chiusi piano al sole

per non rileggere quelle parole

di una lettera strappata e ricomposta

ripiegata e nascosta

da quel tempo in cui una foto che ti osserva cambiare

Tags: 

Lettere mai spedite

Una lacrima intrappolata in una ragnatela antica

viene accolta a fatica dalla luce di un riflesso d’aurora

che si ferma ma non la sfiora

aspettando quel tempo acerbo che della sua fiamma è un sorriso

che come un’alba ne illumini il viso

sguardo a mani giunte

passi sulle punte ridonano armonia

come un carillon sulla scrivania

dai cassetti chiusi piano al sole

per non rileggere quelle parole

di una lettera strappata e ricomposta

ripiegata e nascosta

da quel tempo in cui una foto che ti osserva cambiare

Tags: 

La ruota Lecce, dall'Ospedale dei Gettatelli all'Ufficio degli esposti.

In passato vi era in Italia ed in particolare la città di Lecce, il problema dei bambini che appena nati venivano abbbandonati in quanto non potevano essere cresciuti dalle mamme perchè vi erano dei problemi. Infatti oltre alla povertà delle famiglie, i bambini erano abbandonati perchè frutto di errori commessi in gioventù oppure perchè erano stati concepiti fuori dal matrimonio.

Tags: 

Santa Maria a Cerrate

Vestita
di celestiale bellezza 
ti aspettava sull’altare con gli occhi di chi ti ha voluto in sposa
con il suo sorriso e la sua gioia
intorno alla vostra promessa 
così solenne 
una maestosa chiesa e le sue colonne.
Il bacio vicino al pozzo
tra le foto di quel giorno
era l’11 di ottobre
una sera di fine estate
con leggera pioggia 
come si dice delle spose fortunate.
Con una carezza ti asciugò il viso il tuo sposo
Bello per la più bella delle dee mai esistite
mentre il riso ben augurante

Tags: 

La terra ha tremato

All’improvviso giù 
questo palazzo impazzito 
la terra ha tremato
ed io mi sento sfinito 
sopravvissuto sì ma a un disastro certo
che ora tremo anch’io ma neanche più l’avverto
questo spazio di mondo che ci accoglie zitto
prima o poi ce lo spiega che ha qualche diritto
le tragedie annunciate quelle ad un tratto
non ci capisco più niente c’è da diventare matto 
tra persone ferite estratte dalle macerie tutto intorno
e quelle trovate senza vita, morte in questo giorno
non si può descrivere l’angoscia dell’attesa

Tags: 

Lettere mai spedite

Una lacrima intrappolata in una ragnatela antica
viene accolta a fatica dalla luce di un riflesso d’aurora
che si ferma ma non la sfiora
aspettando quel tempo acerbo che della sua fiamma è un sorriso
che come un’alba ne illumini il viso
sguardo a mani giunte
passi sulle punte ridonano armonia
come un carillon sulla scrivania
dai cassetti chiusi piano al sole
per non rileggere quelle parole
di una lettera strappata e ricomposta
ripiegata e nascosta 
da quel tempo in cui una foto che ti osserva cambiare

Tags: 

Fiumi di parole 10/06/2021 (6)

Come per incanto la strega fa la magia. La fata turchina con la bacchetta fa dei superpoteri. Il professore con il suo registro insegna matematica alla scuola media. Il colore dei soldati al fronte è simile a una nota. Il gioiello dell'orafo è una collana. La morte apparente è come un gelato sciolto.

Tags: 

Fiumi di parole 10/06/2021 (5)

Come per incanto faccio una magia, ho dei superpoteri, incontro una strega, la quale diventa una bellissima fata turchina, che con la sua bacchetta fa diventare una nota di pianoforte di un colore azzurro. In una scuola c'è un registro, il professore di matematica assegna una media ai suoi studenti. I soldati sono al fronte di una guerra e rischiano la morte, ma promettono alle loro mogli che sopravviveranno per regalargli una collana apparente. Ma purtroppo quella collana non è piaciuta e così decidono di portare questo gioiello da un orafo per farlo sciogliere.

Tags: 

Pagine