Natale

Ricordo del Natale

Il mio ricordo del Natale passato è che stavamo tutti in famiglia e passavamo l’intera giornata a casa di mia nonna a chiacchierare con gli zii e i cugini e a giocare in giardino, mentre il Natale di oggi è molto diverso, molto consumistico. Si sono perse le usanze di una volta.

 

Simona Coppola

Li regali

Spettamu tantu lu Natale

Ca ddhu vecchiu cu lla barba bianca

Ha scindere mprima te lu cantune.

Intra llu saccu tanti doni tene

E li piccinni lu spettanu cu lli scartanu:

cavallucci, trottole e bambulicchie

a ddhu momentu tantu felice

ncingnanu a zzumpare e a schiddhare.

“Povere ricchie mie!”,

dice lu nonnu ssettattu alla seggiteddha,

ma li regali su allegria

alli tempi nesci accussì se vivìa.

Cosa rappresenta e che importanza do al Natale

Di solito, al giorno d'oggi il 25 dicembre viene considerato come una festa molto consumistica, senza considerare tutte le fatiche che si sono svolte intorno e dentro la stella l'anno in cui è nato Gesù Bambino. Scrivendo questo, sto manifestando un po' di sofferenza che sento dentro me nonostante sia per i cristiani un giorno di festa principale in tutto l'anno. Quando ero bambina lo vivevo in maniera spensierata... si andava a giocare a carte, si scartavano i regali, si metteva il bambinello nella grotta con le canzoni di festa, si pranzava con tutti i parenti.