Emozioni

Storie della buonanotte

Ritorno ai miei ricordi d’infanzia, quando prima di andare a dormire mio padre mi raccontava le mie favole preferite, tra le quali quella di Cenerentola: Cenerentola, rimasta orfana di madre, viene ad abitare con lei la matrigna, che le impedirà di vivere la sua vita in libertà. Sono molto sconcertata dal “metodo” della matrigna nei confronti di Cenerentola, alla quale mette i bastoni tra le ruote, ma tutto ciò non impedirà a Cenerentola di realizzare i propri sogni, perché l’amore vince su tutto.

Ricordo del Natale

Il mio ricordo del Natale passato è che stavamo tutti in famiglia e passavamo l’intera giornata a casa di mia nonna a chiacchierare con gli zii e i cugini e a giocare in giardino, mentre il Natale di oggi è molto diverso, molto consumistico. Si sono perse le usanze di una volta.

 

Simona Coppola

Li regali

Spettamu tantu lu Natale

Ca ddhu vecchiu cu lla barba bianca

Ha scindere mprima te lu cantune.

Intra llu saccu tanti doni tene

E li piccinni lu spettanu cu lli scartanu:

cavallucci, trottole e bambulicchie

a ddhu momentu tantu felice

ncingnanu a zzumpare e a schiddhare.

“Povere ricchie mie!”,

dice lu nonnu ssettattu alla seggiteddha,

ma li regali su allegria

alli tempi nesci accussì se vivìa.

Il tempo

 

Lu tiempu te oce, te l’auru giurnu,

te buscrai, ha passatu

cu tanta fretta

ca me parìa nnu trenu

ca fucìa e fuce beddhi mei, fuce tantu

ca crai ha già rriatu …

La vita oce giuru

Te scappa te manu

Quandu piensi ca ieri

Sta passeggiai

Subbra lli cuti te la campagna,

oce te sona lu bus ca sta rria.

E tte dice: “Maniciate! Maniciate!

Ca lu bus è comu lu tiempu:

veloce comu nnu lampu.

Iddhu rria, passa e va."

La primavera

In un pomeriggio di primavera quando il sole con i suoi raggi tiepidi inizia a riscaldare le giornate,mi piace andare a passeggiare in campagna per guardare i fiori : i girasoli, le margherite, i papaveri, e le violette e lungo il sentiero ,mi ritrovo a passeggiare con ragazzi e ragazze. Sulla mia sinistra un pescheto fiorito ravviva la campagna,e tra questi alberi immagino un albero di" fico magico" che con i suoi rami spogli , mi permette di parlare con mio padre.

VIDEO | Con Don Tonino... insieme agli ultimi che ha amato come i primi.

Il 18 giugno 2014 il Centro Diurno di Lequile e il Gruppo di auto-mutuo aiuto "La Tartaruga" sono stati ospiti della Cooperativa "L'Adelfia" di Alessano. Nel corso della giornata, dopo il rinfresco di benvenuto presso il Centro Diurno, camminando per le belle strade del paese di Don Tonino, ci si è avviati presso la casa natale del tanto amato Vescovo di Molfetta.

VIDEO | Il Mercato dei Sogni: con... fusione

“Con…. Fusione” è il titolo dello spettacolo de "Il Mercato dei Sogni" che è andato in scena il 20 maggio 2015, sul palco e nella splendida cornice del Teatro Paisiello di Lecce. L'Evento nasce nel Laboratorio teatrale che è animato dagli Utenti dei Centri Diurni di Lequile e Campi Salentina, nell'ambito di un Progetto del Dipartimento di Salute Mentale dell'ASL di Lecce, sviluppato nei Centri di Salute Mentale di Lecce - San Cesario e Campi Salentina e in collaborazione con l'Associazione "Nuove Speranze". 

VIDEO | Il naso rosso di Pass Pass

Jean Pierre Bianco

Jean Pierre Bianco, sposato e con una figlia di sette anni, è nato a Parigi 47 anni fa, ma da quasi venticinque anni vive in Italia dove è giunto per seguire la sua passione per il lavoro di clown, quando gli fu offerta l'opportunità di applicare la "clownterapia" con i bambini ricoverati in un ospedale fiorentino. 

Nel 2013 Jean Pierre, al secolo Pass Pass, è arrivato tra i finalisti della trasmissione televisiva Mediaset “Italia’s got talent” riscuotendo notevole apprezzamento per il suo modo originalissimo di interpretare il ruolo del clown, come attore.

Pagine