blog di Redazione

Il Professor Costa e la sua gentilezza

Il giorno in cui abbiamo intervistato il Direttore Costa ,è stato un giorno speciale,perchè siamo stati onorati di averlo qui nel Centro Diurno di Campi Salentina e di poter trascorrere del tempo con lui per intervistarlo sul suo lavoro. Il Maestro è una persona professionalmente molto preparata e ha saputo soddisfare  tutte le nostre domande.

La banda di Veglie: melodie di suoni

Mercoledì, è venuto al Centro Diurno di Campi Sal.na, il dott. Costa con il quale abbiamo parlato della storia della banda di Veglie, che nasce ai primi del '900. Questa banda viene inaugurata il 27/12/1981 con i collaboratori che suonano il flauto. Infatti qualche anno dopo si decise di formare su proposta del Comune di Veglie un nuovo gruppo bandistico, che aveva la finalità di far conoscere al popolo vegliese la musica classica. Il 17/05/1983, con una nuova formula associativa, si decise di accostare alla banda un gruppo di figure femminili chiamato "majorette".

Dialogando con il direttore d'orchestra Guerrieri

La banda di Squinzano nasce nel 1893, a riguardo sono stati pubblicati dei libri che trattano la sua storia. Essa si formò durante la prima guerra mondiale e ha avuto una continuità nel tempo. Il suo massimo splendore fu con i maestri Abbate che la diressero succedendosi. Ernesto fu il primo, ma morì giovanissimo a soli 50 anni di tubercolosi e successivamente lo sostituì il fratello Gennaro, compositore e direttore d'orchestra. In quel tempo vi era una formazione bandistica che si acquisiva nei vivai, infatti tutte le bande avevano dei vivai dove si faceva la formazione.

Disuguagllianze sociali

Al mondo sono sempre esistite le disuguaglanze sociali ,esistono i ricchi che vivono semplicemente la loro vita, esistono i poveri che non posseggono nulla e non vengono considerati dalla società. Io credo che le Istituzioni dovrebbero aiutare questo ceto sociale perchè non hanno  una casa, non hanno la possibilità di curarsi e tante volte purtroppo muoiono per mancanza di farmaci .

Sperimentare la terra

La mia esperienza nel corso di formazione di Coltiva Te Stesso mi ha dato la possibilità di sperimentare il lavoro in questo settore.In questo mese mi sono trovato benissimo a lavorare nell'orto abbiamo piantato: pomodori, melanzane, zucchine e peperoncini piccanti. La nostra cura è stata quotidiana e in questo periodo stiamo raccogliendo i frutti, e dopo la raccolta avviene la distribuzione. Ogni due giorni io,Anna,e Roberto stiamo innaffiando gli ultimi l'orto. 

La mia idea di Coltiva Te Stesso

Mi chiamo Anna Caretto e dal 1° giugno ho iniziato il Tirocinio formativo di Coltiva Te Stesso. Personalmente non ho mai svolto lavori agricoli, ma l'impatto con la terra è stato piacevole perchè mi sento a mio agio. E' vero che fa molto caldo però è un lavoro che mi procura tante soddisfazioni perchè si effettuano tante attività: dal coltivare le piante, all'innaffiarle, a raccogliere i frutti per poi venderli. Io mi sento gratificata e felice per quello che svolgo insieme ai miei compagni, e mentre raccogliamo le verdure chiacchieriamo allegramente.

Intervista a Davide Barletti

La redazione "fiori di carta", ha incontrato il 27/06/2018 il regista Davide Barletti, presso il C.D. di Campi Salentina per avere un dialogo con lui. Egli ci ha parlato della sua vita. Finita la scuola superiore, si è trasferito a Roma per studiare architettura come il padre e il nonno. Ma a lui non piaceva molto disegnare perchè amava e ama molto la fotografia. Infatti sin da piccolo ha avuto sempre una macchina fotografica. Durante il suosoggiorno romano s è occupato anche di politica partecipando a manifestazioni.

Intervista a Davide Barletti

La redazione "fiori di carta", ha incontrato il 27/06/2018 il regista Davide Barletti, presso il C.D. di Campi Salentina per avere un dialogo con lui. Egli ci ha parlato della sua vita. Finita la scuola superiore, si è trasferito a Roma per studiare architettura come il padre e il nonno. Ma a lui non piaceva molto disegnare perchè amava e ama molto la fotografia. Infatti sin da piccolo ha avuto sempre una macchina fotografica. Durante il suosoggiorno romano s è occupato anche di politica partecipando a manifestazioni.

Il rispetto tra uomo e donna : "La mia opinione"

Oggi giorno, quotidianamente assistiamo da parte di "alcuni" uomini scene di violenza sulle donne. Dinanzi a tale squallore umano mi sono chiesto perchè si arriva ad avere questi comportamenti irrispettosi da parte di  entrambi. Per me il  rispetto è fondamentale nella coppia, ma non sono daccordo su tanti comportamenti della donna di oggi. Dalla sua sottomissione nei confronti dell'uomo ha assunto nel suo modo di vivere un comportamento arrogante e irrispettoso. Aver conquistato i propri diritti non significa essere libera e disimpegnata dai propri impegni.

Un Arcobaleno di fiori e foglie

Quando guardo questo quadro mi rappresenta un miscuglio di fiori che si incrociano l'uno con l'altro. Un insieme di foglie e fiori che si sovrappongono. Sembrano come un grande arcobaleno che viene e va. Le immagini  mi ricordano quando ero bambina e con la mia famiglia andavamo in gita in campagna insieme ai miei  parenti che venivano da Faenza per trascorrere le vacanze estive con  noi. Poi, quando se ne andavano tutti eravamo dispiaciuti e gli occhi si riempivano di lacrime prima ancora che arrivasse il treno i li avrebbe  portati  a destinazione, alla loro routine quotidiana.

Pagine