Blog

Una ragazza di nome Alice

Quando ero piccolo, all'età di 5 anni, in televisione vedevo sempre una favola molto bella che era quella di "Alice nel paese delle meraviglie" dove si racconta di una ragazza che all'inizio parla con sua sorella sotto un albero. All'improvviso vede un coniglio che ha sempre fretta. La scena che mi ha colpito maggiormente è stata quando la porta non si apriva nonostante Alice fosse alta per entrarci. L'altra scena interessante è stata quella quando era stata organizzata una grande tavolata con due personaggi: il cappellaio matto e il leprotto bisestile.

Una ragazza di nome Alice

Quando ero piccolo, all'età di 5 anni, in televisione vedevo sempre una favola molto bella che era quella di "Alice nel paese delle meraviglie" dove si racconta di una ragazza che all'inizio parla con sua sorella sotto un albero. All'improvviso vede un coniglio che ha sempre fretta. La scena che mi ha colpito maggiormente è stata quando la porta non si apriva nonostante Alice fosse alta per entrarci. L'altra scena interessante è stata quella quando era stata organizzata una grande tavolata con due personaggi: il cappellaio matto e il leprotto bisestile.

La Chiesa e la modernità

La Chiesa ha incominciato a incontrare problemi in età moderna, con il secolo dei lumi, con il marxismo e la secolarizzazione. Nietzsche, in un frammento della volontà di potenza, dice che "la Rivoluzione francese è erede e continuatrice del cristianesimo". Infatti gli ideali di libertà, uguaglianza e paternità sono ideali cristiani, come lo sono quelli socialisti di giustizia e solidarietà. Per questo un filosofo liberale e laico, Benedetto Croce, prende atto che "non possiamo non dirci cristiani".

La signora dello zoo di Varsavia

Martedì pomeriggio, 5 febbraio 2019, presso il C.D. di Campi Sal.na, c’è stata la proiezione del film storico girato nel 2017 “La signora dello zoo di Varsavia”. Nel 1939 Antonina Zabinski e suo marito Jan Zabinski, direttore dello zoo di Varsavia, cercano di difendere gli animali dello zoo dall’abbattimento minacciato dai tedeschi per recuperare carne da macello durante l’invasione della Polonia, all’inizio della seconda guerra mondiale.

La mia migliore nemica

Nel pomeriggio di giovedì 31 gennaio 2019, noi ragazzi del laboratorio “Fiori di carta” del C.D. di Campi Sal.na, abbiamo visto il film - commedia “La mia migliore nemica” dell’anno 2009. Liv ed Emma sono amiche da sempre, entrambe sono fidanzate e per pianificare il matrimonio dei loro sogni si rivolgono a un’agenzia, la più prestigiosa di New York. Entrambe vogliono sposarsi al Plaza, ma per errore i loro matrimoni vengono prenotati nella stessa data: non essendoci altre date disponibili prima di tre anni.

Intervista al Maestro Fabio Orlando

Il maestro Fabio Orlando di Salice Salentino, è venuto a trovarci al Centro Diurno per informarci sull'orchestra e quale differenza può esistere tra la banda e l'orchestra. Ha iniziato la sua argomentazione dicendoci che l'orchestra, che è nata nel XVII e nel XVIII secolo, in Europa ed in seguito si è diffusa in tutto il mondo. All'inizio le orchestre venivano utilizzate per comporre, musica religiosa. Essa è l'ensemble" strumentale che si esibisce in teatro. Tra dirigere una banda e un'orchestra non esiste alcuna differenza.

La fabbrica di cioccolato

Giovedì 20 dicembre 2018, noi ragazzi del C.D. di Campi Sal.na, abbiamo visto il film “La fabbrica di cioccolato” dell’anno 2005. Charlie Bucket è un bambino molto povero che vive in una casetta di legno con i genitori e i quattro nonni. A causa della loro povertà i Bucket si nutrono di zuppe di cavoli. A Charlie piace molto il cioccolato, ma ha una disponibilità economica tale da permettergli di mangiarne una sola volta all’anno come regalo di compleanno. A un certo punto l’annuncio del cioccolatiere più famoso del mondo, l’enigmatico signor Willy Wonka sconvolge la vita della famiglia.

Le mie considerazioni sulla Fiaba "Alice nel Paese delle Meraviglie"

Io e i miei amici e il Centro Diurno di Lequile abbiamo letto, durante il laboratorio creativo di "Fiori di carta" il libro "Alice nel Paese delle meraviglie". Questa fiaba narra di una ragazza che per la prima volta vede un mondo immaginario che non ha mai visto nella sua vita. Di questo racconto i personaggi che mi sono piaciuti sono stati: il coniglio bianco, lo stragatto, il cappellaio matto, il leprotto bisestile, la regina dei cuori.

Fantasticare nel mondo di Alice

Per quanto mi riguarda il libro Alice Nel Paese delle Meraviglie mi è piaciuto molto soprattutto quando Alice si addormenta per entrare in un mondo fantastico . Inoltre mi è piaciuto anche quando Alice diventa grande nella casetta con la porticina piccola e si chiede : " Adesso come faccio ad uscire con le mie dimensioni dalla porticina ? " Ho trovato interessante la figura del coniglio parlante e il processo che la regina dei cuori fa ad Alice accusandola di essere entrata nel suo mondo fantastico . 

Fantasticare con Alice nel paese delle meraviglie

Oggi pomeriggio al Centro Diurno di Lequile c'è stata la riunione, per dialogare su diversi argomenti tra cui il libro "Alice nel paese delle meraviglie". Dopo aver letto il libro, le mie impressioni sono state finalizzate alla fantasia perché fantasticare è un modo per uscire dalla monotonia e che ci permette di fare un salto nell'immaginario. Inoltre mi è piaciuta la compagnia e sono rimasto contento anche della argomentazione dei ragazzi. Dal prossimo incontro leggeremo il libro: "La tranquillità dell'animo" e inizieremo a discutere su "Seneca e lo stoicismo".

Pagine