Blog

Parco Rudiae

Penultima tappa del nostro percorso della Civiltà Messapica, è il Parco Archeologico di Rudiae. Esso rappresenta uno dei siti più importanti dell'intera penisola salentina e Rudiae è un insediamento che si sviluppa dall'Età del Ferro (ottavo secolo a. C.) fino all'Età Tardo-Antica (sesto secolo d.C.). Essa è nota per aver dato i natali a Quinto Ennio, padre della Letteratura latina. E' un'intera area costituita da una serie di assi stradali, che sembrano convergere verso un grande spazio centrale all'insediamento, chiamata Grande Piazza pubblica.

Le quattro porte di Lecce

La redazione "Fiori di carta" ha iniziato il percorso dell'ottavo numero da "Porta Rudiae", così chiamata perché riportava all'omonima e distrutta città di origine messapica. Fu ricostruita nel 1703 da Giuseppe Guido seguendo i canoni tradizionali dell'Arco di Trionfo. Infatti, osservando la porta, si notano le quattro colonne, due per lato che sorreggono il cornicione. Accanto a queste vi sono figure angeliche che rappresentano l'architettura civile e religiosa di quel tempo.

Percorrendo l'itinerario delle quattro porte di Lecce

La redazione “Fiori di carta” con l’arrivo della primavera ha iniziato il percorso dell’ottavo numero: “Cattedrali, monasteri e conventi tra passato e presente” visitando Lecce e le quattro Porte. L’itinerario è stato suddiviso in quattro tappe: Porta Rudiae, Porta San Martino, Porta San Biagio e Porta Napoli. La guida turistica, dott.ssa Alice Bòttega ci ha illustrato la storia dei monumenti.

Stanlio e Ollio

In attesa dell’attivazione del laboratorio teatrale presso il Centro Diurno di Campi Sal.na continua la proiezione dei film selezionati. Martedì 1 ottobre 2019, abbiamo preso visione del film “Stanlio e Ollio”. Esso riguardava la biografia del duo teatrale formatosi nel 1927 tra l’attore inglese Stan Laurel e l’attore statunitense Oliver Hardy. Tale coppia che ha interpretato tra il 1927 e il 1945 un centinaio di film, è stata una delle coppie comiche più popolari della storia del cinema.

Aladdin

Nel pomeriggio di martedì 24 settembre 2019, con i ragazzi del Centro Diurno e della C.R.A.P. di Campi Sal.na, ho assistito alla proiezione del film “Aladdin”, personaggio della letteratura popolare araba. Il film ha come protagonista Aladdin, un ladruncolo che vive nel regno desertico di Agrabah con la scimmietta Abu. Egli salva e fa amicizia con l’intraprendente principessa Jasmine, la quale mal si adatta alla legge che le impone di sposare un principe, non per amore, ma per strategia politica e così essere relegata a un ruolo guida della città.

Le mie considerazioni sull'ottavo numero

La redazione "Fiori di carta", dopo un anno di fermo per le uscite, ha ripreso le visite culturali sul territorio di Lecce. La programmazione dell'ottavo numero ci ha condotto nel visitare le "quattro porte di Lecce e le chiese" che abbiamo scelto per questo percorso. Personalmente mi sono rimaste impresse le chiese costruite dall'architetto Zimbalo, in particolare la Basilica del Rosario quella dove hanno seppellito i vescovi e l'ex Conservatorio di Sant'Anna dove la Dott.ssa Alice Bòttega ci ha mostrato il Ficus plurisecolare.

11 settembre 2019 Sabrina Caragnulo

Oggi al Centro Diurno di Campi Sal.na, tutti insieme abbiamo discusso sul programma della Tap, una questione dibattuta nella società di oggi. La Tap è un progetto che dovrebbe far arrivare il gasdotto in alcune zone dell'Europa, partendo dalla Russia prosegue per Albania, Grecia per approdare in Italia. Il lato negativo di questo programma è sia il percorso sottomarino che potrebbe inquinare maggiormente il mare che il punto di arrivo, il quale è stato localizzato nelle zone di San Foca precisamente San Basilio. Tutto questo è da attribuire alle scelte politiche.

Ipazia, la femminista del quattrocento

Nell'intervista con l'architetto Michele Pagano, la redazione di "Fiori di carta" è venuta a conoscenza di una grande donna che è stata una matematica, un'astronoma e filosofa della Grecia antica. La sua cultura mutò il mondo maschile tanto da essere lapidata su ordine del vescovo Cirillo. Non sono poi tante le donne nel periodo dell'oscurantismo che hanno avuto la possibilità di distinguersi dalla scienza considerata sino a poco tempo fa appannaggio esclusivo del mondo maschile. La passione del sapere ha condizionato i risultati che erano stati raggiunti.

24 aprile 2019 Sabrina Caragnulo

La redazione "Fiori di carta", oggi si è riunita a San Cesario per decidere telefonicamente con il signor Marcello Monferrini le date programmate sul territorio di Lecce. La redazione ha così deciso di sospendere le riunioni a San Cesario per poter nel mese di maggio svolgere il programma stabilito. Il gruppo è rientrato ai rispettivi Centri Diurni alle ore 12,00.

26 giugno 2019 Giusy Sapegno

Oggi alle 9,35 il gruppo del magazine con le dott.sse Rosella e Valentina, abbiamo fatto il punto sulle uscite per le cattedrali, i conventi, i monasteri, ecc., da visitare in questo periodo. Discutendo siamo giunti a parlare sul tema delle religioni e di come incidono sul vivere sociale. Siccome il gruppo a riguardo di tale argomento non aveva conoscenza culturale abbiamo iniziato ad approfondire la religione monoteista,e  sulle guerre di religione che negli ultimi anni si stanno diffondendo in nome di Dio.

Pagine